Vincitore edizione 2017

L’impero del cotone

Sven Beckert - Einaudi, 2016

Limpero_del_cotone_premio_Cherasco_Storia-768x1236

Un’indagine storica sull’origine dell’impero del cotone

Limpero_del_cotone_premio_Cherasco_StoriaSi tratta di un’indagine storica ampia e complessa sull’origine dell’impero del cotone. L’autore mette in luce come molto prima dell’avvento della Rivoluzione industriale del XVIII secolo la produzione manifatturiera del cotone sia stata determinante sia nella nascita di un nuovo ordine economico globale sia nella comparsa del capitalismo. Dopo aver individuato gli stretti legami tra espansione imperialistica, espropriazioni, schiavismo e le politiche degli Stati che hanno sostenuto i mercanti e le loro imprese, Beckert mostra il ruolo che gli europei hanno avuto nel commercio transoceanico, la loro graduale crescita economica, la progressiva centralizzazione del potere e il passaggio ad un mondo sempre più unipolare dominato dai capitalisti. Con uno sguardo che abbraccia Asia, Africa, Americhe ed Europa, l’autore mostra come l’industria del cotone abbia rivoluzionato profondamente anche i rapporti sociali esistenti nei vari continenti. Dall’indagine di Beckert emergono così le origini del capitalismo di guerra che ha costituito la premessa della Rivoluzione industriale.

Sven Beckert insegna Storia americana alla Harvard University e si occupa della storia economica, politica e sociale del capitalismo.vincitore_premio_Cherasco_Storia_2017_Sven_Beckert Diversi i premi e riconoscimenti che gli sono stati attribuiti per le sue ricerche. Beckert fa parte dell’American Council of Learned Societies e della John Simono Guggenheim Memorial Foundation. A Ezio Mauro il riconoscimento per la divulgazione
Accanto al Premio “Cherasco Storia”, ogni anno la Fondazione De Benedetti Cherasco 1547 assegna il riconoscimento per la divulgazione. Vincitore dell’edizione 2017 è Ezio Mauro “per il suo impegno giornalistico nel raccontare puntualmente i fatti mantenendo sempre sobrietà ed indipendenza, scavando nelle notizie l’essenza dei fatti, senza mai stravolgerli”.